Top Menu

Cannella, l’antica spezia alleata della salute

CannellaGli autori dei libri di cucina, nel lontano Ottocento, si raccomandavano di aggiungere ai piatti: “un pizzico di spezie o di droghe”. Non tutti forse sapete che, con questa descrizione, si intendevano proprio quattro spezie precise: cannella, chiodi di garofano, pepe e noce moscata.

Le proprietà terapeutiche della cannella affondano le radici in tempi ancora più lontani, precisamente nell’Antico Egitto e all’epoca dei Romani. Già nell’antica Roma infatti, la cannella era presentata come una spezia afrodisiaca, ma fu poi nel Cinquecento che venne dimostrato, da diversi trattati medici, il suo effetto stimolante a livello sessuale.

Oggi questa spezia è utilizzata prevalentemente a scopo culinario, mentre nella medicina Ayurvedica e in quella tradizionale cinese, è annoverata quale ottimo rimedio per combattere i piccoli disturbi quotidiani.

La cannella è una spezia che si ricava dalla corteccia di alberi del genere Cinnamomum. Gli alberi vengono tagliati e la corteccia esterna eliminata, mentre quella interna si toglie e si fa asciugare. Asciugandosi, la corteccia si arrotola su se stessa ottenendo i tipici bastoncini che troviamo in commercio. Esistono diversi tipi di cannella: la cannella di Ceylon dal sapore dolce e aromatico, la cannella indonesiana e la cannella cinese o cassia, dal sapore più aspro e amaro.

Questa spezia vanta tra le numerose proprietà, quella di essere un potente antiossidante naturale, stimolare la circolazione sanguigna e contribuire nella comune battaglia al colesterolo. Ha proprietà antibatteriche, antisettiche, stimolanti e digestive. Studi recenti inoltre, la ritengono indicata anche nella cura del diabete di tipo 2, per la presenza di un particolare polifenolo al suo interno, con un’azione simile a quella dell’insulina.

In cucina è utilizzata prevalentemente per preparazioni dolci tra cui torte, biscotti, frutta, caramelle e creme. Può conferire un tocco particolare al gelato, alla macedonia di frutta e alla ricotta. Il suo sapore, piccante e dolce al tempo stesso, la vede anche protagonista di numerose bevande tra cui vin brulé, sangria, liquori e punch.
Ma questa antica spezia può trovare una sua dimensione anche in alcune ricette salate: insaporisce il brodo di carne o pesce ed è preziosa nel risotto e nei piatti agrodolci.

Il nostro consiglio è di acquistare sempre la cannella in bastoncino ed evitare quella in polvere, perché di qualità inferiore e facilmente adulterabile.

RaT

>> I migliori ristoranti della Romagna selezionati per Voi | Scopri tutte le proposte <<

,