Top Menu

Giornata Mondiale della Pasta: la sfida della 19esima edizione

Spaghetti al pomodoroÈ fissata per oggi, 25 ottobre, la 19esima edizione della Giornata Mondiale della Pasta. La sfida di quest’anno recita così: un piatto di pasta per nutrire il pianeta.

World Pasta Day

Quest’anno il “World Pasta Day” verrà ospitato dal Brasile, il maggior produttore di pasta al mondo, con San Paolo nel ruolo di “capitale” della pasta. Le celebrazioni prevedono un evento a cui parteciperanno 250 delegati tra pastai, Istituzioni, rappresentanti della comunità scientifica, giornalisti e opinion leader del food.

Le iniziative

Numerose le iniziative messe in campo per questa Giornata Mondiale della Pasta. Innanzi tutto il progetto “The Power of Pasta”, che con 3 milioni di piatti di pasta, vuole contribuire alla lotta contro la fame nel mondo.

In campo anche 3 top chef – Antonino Cannavacciuolo, Bruno Serato e David Hertz – che faranno da ambasciatori dell’iniziativa rispettivamente in Italia, Stati Uniti e Brasile.

Sette le aziende produttrici che in Italia aprono al pubblico per raccontare perché la pasta italiana è la migliore al mondo. Infine una spaghettata virtuale su Twitter dedicata agli spaghetti al pomodoro, il piatto di pasta più amato e rappresentativo in assoluto.

Dati statistici

Qualche dato statistico per capire i cambiamenti degli ultimi 20 anni. Secondo le organizzazioni che promuovono l’iniziativa (Aidepi e IPO) dal 1997 al 2016 la produzione di pasta è aumentata di quasi il 57%.

Sono 48 (+77%) i Paesi a produrne in quantità accettabili (oltre 1.000 tonnellate) mentre sono 52 i Paesi (erano 30 nel 1997) con un consumo pro capite di almeno 1 kg all’anno. Allora come oggi, l’Italia guida questo mercato: 1 piatto di pasta su 4 consumati nel mondo è prodotto in un pastificio italiano.

Le parole di Paola Barilla

Ora sentiamo quanto ha da dire il merito Paolo Barilla, Presidente dell’International Pasta Organisation (IPO).

“La Giornata Mondiale della pasta ci offre ancora una volta l’opportunità di raccontare quanto questo alimento possa essere ideale per sfamare il mondo in modo sano e sostenibile. La sua diffusione mostra come sia ormai di casa in tutte le culture. In più è un prodotto a basso impatto ambientale, aspetto non secondario in un pianeta sempre più affollato dove chi produce cibo deve porsi il problema etico di farlo senza sprecare le risorse”.

Quindi oggi ben venga un piatto di pasta per tutti… è proprio il caso di dirlo!

RaT

>> I migliori ristoranti della Romagna selezionati per Voi | Scopri tutte le proposte <<

,