Top Menu

La Novecolli: un percorso non solo per ciclisti nella Romagna di Pantani

Forse non saremo tutti appassionati di Ciclismo, ma qui in Romagna, il Magico Marco Pantani ci ha lasciato una bella eredità. In Italia, sulla sue scia, non sono ancora emersi campioni che lo possano eguagliare, ma il ciclismo praticato ha tratto indubbiamente beneficio dal mito di un personaggio che nel cuore dei ciclisti rimane oltre le polemiche e le ingiustizie.

La Novecolli ciclistica

Oggi vi proponiamo quindi un itinerario il cui punto di arrivo e partenza ha luogo nella città che ha dato i natali a Marco: Cesenatico. Il percorso è ad anello e segue le orme della Nove Colli, la gran fondo ciclistica istituita nel lontano 1970. Un manifestazione  che ogni anno richiama oltre diecimila persone da tutto il mondo. Ogni appassionato di ciclismo praticato vorrebbe aver partecipato almeno una volta a questa appassionante competizione in programma il prossimo 20 maggio.

Percorso Nove Colli

L’itinerario

L’itinerario, che conta ben 209 km, oltre alla bici, può essere percorso in auto oppure in motocicletta, in un’affascinante viaggio tra salite, tornanti, colline, borghi, discese e ponti.
Dopo aver lasciato il porto canale di Cesenatico, si prosegue in direzione Cesena. Una volta raggiunta la via Emilia, si svolta a destra, in direzione Forlì. Proseguendo, si giunge all’ingresso dell’abitato di Forlimpopoli, paese celebre per essere la città natale di uno dei gastronomi e letterati più famosi d’Italia, Pellegrino Artusi. Da qui si svolta a sinistra, in direzione Bertinoro.

Da questo momento si viaggia sulla Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia di Forlì-Cesena, dove cartelli segnaletici indicano le cantine e le aziende agricole che offrono la possibilità di assaggiare ed acquistare i prodotti tipici della tradizione romagnola.

Dopo una passeggiata tra le vie del borgo storico di Bertinoro, si riparte seguendo la strada che scende verso Cesena, svoltando a destra per il piccolo abitato di Polenta. Si arriva poi a Monte Sorbo, nei pressi di Mercato Saraceno, dove è d’obbligo una breve sosta nell’atmosfera rurale di questo luogo che vuole, tra i suoi antichi visitatori, anche il sommo poeta Dante Alighieri.

Una ripida discesa vi condurrà poi verso Fratta Terme, nota per le sue acque benefiche e il suo centro termale. Da qui si svolta a sinistra per raggiungere l’abitato di Meldola, fino a ridiscendere veloci verso Mercato Saraceno, caratteristico paese della vallata del fiume Savio.

Da Mercato si riparte per Sogliano al Rubicone, centro rinomato per il formaggio stagionato in fossa. È consigliata una sosta per il pranzo, per assaggiare i deliziosi prodotti gastronomici che hanno reso la cittadina famosa in tutto il mondo.

Si svolta poi a destra: direzione Montetiffi, il borgo medioevale più importante dell’alta Valle dell’Uso. Si ricomincia quindi a scendere verso la Valmarecchia e si sconfina in territorio marchigiano. Da qui comincia una delle salite più lunghe del percorso, che porta ai 787 metri del Monte Pugliano.

Si sfiora poi San Leo, altra tappa consigliata per il fascino che desta il paese costruito su un imponente sasso romboidale. Si ridiscende da qui verso la Valle del Savio fino a giungere sul lungomare di Cesenatico: punto di arrivo.

RaT

>> I migliori ristoranti della Romagna selezionati per Voi | Scopri tutte le proposte <<

,