Top Menu

Le proprietà del verde, simbolo per eccellenza della cucina “green”

frutta e verdura verdeTorna il nostro appuntamento con la “cucina a colori”. Oggi la tavola si veste di green. Non vorrei essere troppo di parte, in questa puntata, ma in una rubrica veg, il colore verde rappresenta decisamente il protagonista.

La stagione non conta, avremo sempre a disposizione verdure e ortaggi di colore verde, quindi non ci sono scuse per beneficiare delle molteplici proprietà, terapeutiche e nutrizionali, di questa nuance.

Scopriamole da vicino. Il colore, brillante e intenso, è dato dalla clorofilla, la vitamina C, l’acido folico, la luteina, il magnesio e i carotenoidi sono elementi fondamentali, che aiutano il nostro organismo a vivere in piena salute ed energia. In questa stagione trovate: broccoli, cavoli, cicoria, lattuga, rucola, spinaci, kiwi e tutte le erbe spontanee ed aromatiche che aggiungono ai principi attivi, anche la presenza di oli essenziali, difficilmente reperibili altrove.

Perché si racconta che il colore verde “rilassa”? Innanzi tutto, è un colore che non ha controindicazioni, questo lo rende molto equilibrato ed unificante. Da un punto di vista energetico, è associato al rinnovamento, alla trasformazione evolutiva. Il suo potere riequilibrante, raggiunge tutti i tessuti del corpo, armonizzandoli. Grazie al benefico effetto sul Sistema Nervoso Centrale, promuove un benessere olistico dell’organismo, svolgendo anche un’azione antibatterica e di protezione nei confronti di germi.

Quando ci sono problematiche a livello respiratorio, per raffreddamento o asma, disturbi al cuore, gastrite, intossicazione, ipertensione, ipertiroidismo, il recupero dopo un intervento chirurgico, stanchezza agli occhi, stress, bulimia, ipereccitabilità, paranoia, nervosismo, si potrà beneficiare della vibrazione di questo colore.

In questa puntata, per voi, una ricetta tutta verde per esaltare al massimo le proprietà di questo magnifico colore.

Un pesto insolito, con il radicchio, ma verde e addolcito dagli anacardi, che adoro!

  • 1 ciuffo di radicchio verde di campo
  • 50 g di anacardi al naturale
  • 5 mazzetti di basilico fresco
  • 30 g di olio e.v.o.
  • 1 pizzico di sale rosa himalayano oppure parmezzano*
  • 1 spolverata di peperoncino macinato

Lavare e mondare il radicchio. Tagliare grossolanamente e mettere nel mortaio oppure nel mixer. Unire anche le foglie di basilico, l’olio, il sale e il peperoncino. Tritare o pestare, finemente.

Unire gli anacardi. A questo punto si può decidere di mettere o meno il “Parmezzano” (* ) cioè il formaggio vegetale, in questo caso in sostituzione al sale.

Da servire con:

90 g di spaghetti di farro

Scolare gli spaghetti al dente e mantecare su fiamma vivace con il pesto e un mestolo di acqua di cottura.

Servire ben caldi.

(*) Ricetta per “Parmezzano” by sceltaconsapevole.com

  • 25 g lievito alimentare in scaglie
  • 25 g germe di grano
  • 25 g mandorle pelate
  • 10 g sale rosa Hymaliano
  • 1 c alga Nori
  • 10 g semi di girasole

Versare nel mixer tutti gli ingredienti e frullare fino ad ottenere una granella uniforme.

Et voilà, il Parmezzano è pronto!

Se volete mettervi in contatto con Paola Di Giambattista trovate i suoi riferimenti qui >>>

 

>> I migliori ristoranti della Romagna selezionati per Voi | Scopri tutte le proposte <<

, ,