Top Menu

Le verdure di stagione che non possono mancare a tavola

Ortaggi primaveriliDopo uno strano inverno nebbioso, in cui il freddo si è fatto sentire solo timidamente, ormai siamo arrivati a primavera. Un poco piovosa e freddina fino a ieri l’altro, ma il clima può solo migliorare, o almeno si spera! A dire la verità, la pioggia era stata più volte invocata dagli agricoltori, la terra aveva sete. Senza acqua le colture non possono crescere e la nostra tavola non si può vestire con nuovi colori e nuovi sapori.

È venuto dunque il momento di lasciare da parte le zuppe calde del periodo invernale e di variare gli ingredienti in cucina. Come sicuramente avrete notato, nei banchi di frutta e verdura, sono tornati a fare capolino i prodotti di questa stagione. Ortaggi gustosi e salutari che non possono mancare nella nostra dieta quotidiana.

Primi fra tutti gli asparagi: sono buoni, diuretici e versatili. Facili da preparare, si prestano a numerose ricette, dalla classica frittata, ai condimenti per paste e risotti alle tradizionali torte salate tipiche del periodo di Pasqua. Ottimi anche come contorno, lessati e con filo di olio a crudo.

Altra nuova entrata di stagione le fave fresche. Vanno sgranellate e pulite una a una prima di renderle protagoniste dei piatti più fantasiosi. In genere si mangiano a Pasqua, crude, con il pecorino e un bicchiere di vino rosso. Ma sono adatte anche a risotti, minestre e frittate.

Non si può rinunciare neppure ai piselli freschi. Chi è abituato a consumare quelli surgelati conosce perfettamente la differenza. Sono ottimi, ricchi di sostanze nutrienti e soprattutto dolcissimi. Si possono consumare anche crudi, ma meglio non esagerare per non disturbare l’intestino.
In cucina si sposano bene con tutto, primi o secondi, carne o pesce, non fa differenza. Perfetti anche come contorno, da soli o in compagnia di altre verdure di stagione come i carciofi.

Questi ultimi, molto apprezzati per le numerose proprietà benefiche (aiutano la depurazione del fegato e sono antagonisti del colesterolo cosiddetto “cattivo”) si possono acquistare in diverse varietà. Senza spine, come le “mammole” romanesche o il violetto di Catania, o con le spine come lo Spinoso di Albenga o il Violetto di Romagna. Dal sapore inconfondibile si possono consumare sia crudi che cotti. Sono ottimi ripieni al forno, saltati in padella oppure semplicemente lessati.

Il suggerimento è di non far mancare sulla nostra tavola le verdure primaverili, adatte a contrastare la stanchezza tipica della stagione. Leggere, fresche, ricche di minerali e vitamine daranno anche una nota di verde brillante ai nostri piatti!

RaT

>> I migliori ristoranti della Romagna selezionati per Voi | Scopri tutte le proposte <<

, , , , ,