Top Menu

Nella giornata contro la violenza sulle donne rivive il mito delle Caterine

Le Caterine della Pasticceria Al Duomo di Ravenna

Le Caterine della Pasticceria Al Duomo di Ravenna

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

La giornata internazionale contro la violenza sulle donne, istituita nel 1999 dall’Assemblea Generale dell’ONU, si celebra il 25 novembre di ogni anno.
In realtà, in Italia solo dal 2005 alcuni “Centri antiviolenza” e “Case delle donne” hanno iniziato a celebrare la ricorrenza. Attualmente sono invece numerosissime le iniziative che ogni città mette in campo in questa data. Una data simbolica ma anche ricca di significato. Un’esortazione a fermarsi un attimo a riflettere sulle azioni concrete che è necessario intraprendere per estirpare questa secolare piaga: il rispetto e la non violenza vengono prima di tutto.

Ravenna e Le Caterine

Per la città Ravenna, la ricorrenza cade in un giorno particolare, la Festa di Santa Caterina, giornata in cui si tramanda una tradizione culinaria a cavallo tra leggenda e realtà con i famosi biscotti denominati “Le Caterine”.

La leggenda

Se non conoscete ancora questa leggenda siamo pronti a raccontarvela. Si narra di una storia d’amore contrastata tra una giovane sartina ed un pasticcere. La famiglia della sartina era contraria e impediva ai due giovani di incontrarsi. Così il pasticcere escogitò un modo per inviare messaggi d’amore alla ragazza. Le preparò un biscotto a forma di bambolina, una “Caterina”, e glielo fece recapitare per ricordarle il suo amore. Si dice quindi che da qui siano nate le Caterine, ora un simbolo per omaggiare le donne in questa significativa giornata.

La festa di Santa Caterina

Se la leggenda si sfuma nella nebbia dei ricordi, però una certezza c’è. Questi biscotti vengono preparati solo nella città di Ravenna, un unico giorno all’anno, ovvero il 25 novembre, in occasione di Santa Caterina, patrona delle sarte. I ravennati in questo giorno hanno l’usanza di regalare a bambini e bambine dolcetti a forma di gallo, gallina e bambolina, le Caterine, appunto.

Durante la giornata fornai e pasticceri espongono nelle loro vetrine questi biscotti speciali e colorati, ricoperti di cioccolata e rifiniti con decorazioni di zucchero colorato. Lo stile, la dimensione e la decorazione variano da un forno all’altro. Da una semplice spolverata di zucchero a una golosa glassatura di cioccolato.

Le Caterine sono un piacere per gli occhi, ma soprattutto per il palato. Una tradizione da tramandare e proteggere, anello di congiunzione tra passato e presente.

RaT

>> I migliori ristoranti della Romagna selezionati per Voi | Scopri tutte le proposte <<

, , ,